giovedì 29 gennaio 2015

International Online Film Critics' Poll, Boyhood wins best picture


La scorsa settimana vi avevo annunciato le nomination all' International Online Film Critics' Poll, il premio assegnato ogni due anni alle eccellenze cinematografiche da una giuria composta da critici provenienti da tutto il mondo, fra i quali anche la sottoscritta :) Quest'edizione ha visto il trionfo di Boyhood come miglior film, Richard Linklater miglior regista e Patricia Arquette miglior attrice non protagonista.
Michael Keaton l'ha invece spuntata sugli altri candidati con la sua performance in Birdman, mentre Cate Blanchett è sta premiata come miglior attrice protagonista per Blue Jasmine di Woody Allen. Ecco l'elenco completo di tutti i vincitori: 


BEST PICTURE
12 Years a Slave
Birdman
Boyhood
The Grand Budapest Hotel 
The Wolf of Wall Street

TOP TEN FILMS (alphabetical list)
12 Years a Slave
Blue is the Warmest Colour
Birdman
Boyhood
Her
Ida
The Grand Budapest Hotel 
The Great Beauty
The Imitation Game
The Wolf of Wall Street

BEST DIRECTOR
Alejandro González Iñárritu – Birdman
Richard Linklater – Boyhood
Wes Anderson – The Grand Budapest Hotel
Paolo Sorrentino – The Great Beauty              
Roman Polanski – Venus in Fur

BEST ACTOR
Michael Keaton – Birdman
Ralph Fiennes – The Grand Budapest Hotel
Mads Mikkelsen – The Hunt
Benedict Cumberbatch – The Imitation Game
Leonardo DiCaprio – The Wolf of Wall Street

BEST ACTRESS
Cate Blanchett – Blue Jasmine
Adele Exarchopoulos – Blue is the Warmest Colour
Rosamund Pike – Gone Girl
Julianne Moore – Still Alice
Marion Cotillard – The Immigrant

BEST SUPPORTING ACTOR
Edward Norton – Birdman
Ethan Hawke – Boyhood
Jared Leto – Dallas Buyers Club
Mark Ruffalo – Foxcatcher
J.K. Simmons – Whiplash

BEST SUPPORTING ACTRESS
Lupita Nyong'o – 12 Years a Slave
Emma Stone – Birdman
Sally Hawkins – Blue Jasmine
Patricia Arquette – Boyhood
June Squibb – Nebraska

BEST ENSEMBLE CAST
12 Years a Slave
Birdman
Boyhood
The Grand Budapest Hotel
The Imitation Game

BEST ORIGINAL SCEENPLAY
Birdman
Boyhood
Calvary
Her
The Grand Budapest Hotel

BEST ADAPTED SCEENPLAY
12 Years a Slave
Gone Girl
Snowpiercer
The Imitation Game
The Wolf of Wall Street

BEST CINEMATOGRAPHY
Birdman
Gravity
Ida
Nebraska
The Great Beauty

BEST PRODUCTION DESIGN
Gravity
Her
Mr. Turner
The Grand Budapest Hotel
The Imitation Game

BEST EDITING
Birdman
Boyhood
Gravity
The Grand Budapest Hotel
The Wolf of Wall Street

BEST ORIGINAL SCORE
Gravity
Her
Interstellar
The Grand Budapest Hotel
The Imitation Game

BEST VISUAL EFFECTS
Dawn of the Planet of the Apes
Interstellar
Gravity
Guardians of the Galaxy
The Hobbit: The Battle of the Five Armies

mercoledì 28 gennaio 2015

Downton Abbey complete series 5



Dan Stevens sarà anche andato a Hollywood per fare lo sparatore super figo, ma Downton Abbey ha ormai ampiamente superato il periodo del lutto: il risultato è stata una splendida quinta stagione capace di regalare luce, riscatto e momenti di grande tenerezza e commozione a tanti personaggi(Lady Edith, Lord Grantham, Mrs Hughes e Mr Carson su tutti), pur non riuscendo ad evitare di inciampare in alcune infelici ripetizioni narrative (basta guai giudiziari per i Bates, BASTA) e sgradevoli involuzioni (nel carattere di Lady Acidità/ehmvolevodire LadyMary). Dicono che la prossima serie potrebbe essere l'ultima e la cosa non potrebbe rendermi più felice(bisogna smettere di tirare la corda prima che si spezzi), ma voglio un lieto fine scritto come dio comanda e senza vuoti in sospeso per la mia famiglia aristocratica preferita, Giuliano SEI AVVERTITO. In attesa del prossimo appuntamento con Downton a settembre 2015, ecco l'elenco con tutti gli episodi da me recensiti per la quinta serie (lo so, mancano le prime due puntate che per ragioni di tempo ho dovuto saltare, ma l'introduzione alla terza puntata contiene anche un breve riassunto delle precedenti). Buona lettura Downtoniani! 









Doctor Who complete series 8


Un nuovo Dottore è sempre una sfida per ogni fan di Doctor Who. Riuscirà il nuovo attore ad essere all'altezza della mia incarnazione preferita? Come sarà il suo personaggio? Per quanto mi riguarda, l'arrivo di Peter Capaldi ha cancellato ogni paura sin dal primo episodio: pur guardando ancora a Matt Smith come al MIO Dottore, ho trovato Capaldi assolutamente perfetto nella costruzione di un protagonista per una volta irascibile e problematico, contraddittorio e meno limpido dei suoi predecessori; la sua chimica con Jenna Louise Coleman (che nonostante l'odio del cosmo qui abbiamo imparato a conoscere e amare proprio in questa stagione) non si discute ed è innegabilmente molto più forte di quella che l'attrice aveva tentato di costruire insieme a Smith. 
Vi lascio qui tutte le recensioni faticosamente raccolte per questa lunga ottava stagione, per chi scrive senza dubbio una delle migliori della nuova era. Enjoy!


8x01: Deep Breath













martedì 27 gennaio 2015

A harts kon benken, veynen on trern



Shteyt a bocher, shteyt un tracht,
Tract un tracht dem gantze nacht:
Vemen tsu nemen un nit farshemen?
Vemen tsu nemen un nit farshemen?

Tumbala, tumbala, tum balalaika
Tumbala, tumbala, tum balalaika
Tum balalaika, shpil balalaika
Tum balalaika, freylach zol seyn.

Meydl, meydl, ch'vel bay dir fregn:
Vos kon vaksn, vaksn on regn?
Vos kon brenen un nit oyfhern ?
Vos kon benken, veynen on trern?

Narisher bocher, vos darfstu fregn?
A shteyn kon vaksn, vaksn on regn.
Libe kon brenen, un nit oyfhern.
A harts kon benken, veynen on trern.

§

A young man stands, stands and ponders
He ponders and ponders all night long:
Whom to choose and not offend?
Whom to choose and not offend?

Sound bala, sound bala, sound balalaika
Sound bala, sound bala, sound balalaika
Sound balalaika, play balalaika
Sound balalaika, be joyful.

Maiden, maiden, can I ask you?
What can grow, grow without rain
What can burn, burn and not stop
What can cry, cry without tears?

Foolish young man, what are you asking?
A stone can grow, grow without rain,
Love can burn, burn and not stop
A heart can cry, cry without tears.

Tum balalaika (Sound balalaika)
Children's Song in Yiddish
Prendimi l'anima (The Soul Keeper) Soundtrack


I've seen this movie for the first time many years ago and I've never forgotten it (say what you want, but for me A Dangerous Method was almost a complete failure). Today, this is the only song I can think about.


sabato 24 gennaio 2015

Time for The International Online Film Critics Poll!


Ladies and Gentlemen, a distanza di due anni dalla terza edizione, eccomi di nuovo qui in qualità di giurata per l' International Online Film Critics Poll, premio biennale assegnato alle eccellenze cinematografica da un gruppo selezionato di critici online provenienti da nazioni diverse. Per il biennio 2012/2014 la concorrenza è stata spietata ed è innegabile che i titoli della scorsa annata, destinati a concorrere agli Oscar 2015 il prossimo 22 febbraio, dominino nettamente in ogni categoria. Eccovi le nomination ( vincitori verranno annunciati prossimamente): 


BEST PICTURE
12 Years a Slave
Birdman
Boyhood
The Grand Budapest Hotel
The Wolf of Wall Street

BEST DIRECTOR
Alejandro González Iñárritu – Birdman
Richard Linklater – Boyhood
Wes Anderson – The Grand Budapest Hotel
Paolo Sorrentino – The Great Beauty
Roman Polanski – Venus in Fur

BEST ACTOR
Michael Keaton – Birdman
Ralph Fiennes – The Grand Budapest Hotel
Mads Mikkelsen – The Hunt
Benedict Cumberbatch – The Imitation Game
Leonardo DiCaprio – The Wolf of Wall Street

BEST ACTRESS
Cate Blanchett – Blue Jasmine
Adele Exarchopoulos – Blue is the Warmest Colour
Rosamund Pike – Gone Girl
Julianne Moore – Still Alice
Marion Cotillard – The Immigrant

BEST SUPPORTING ACTOR
Edward Norton – Birdman
Ethan Hawke – Boyhood
Jared Leto – Dallas Buyers Club
Mark Ruffalo – Foxcatcher
J.K. Simmons – Whiplash

BEST SUPPORTING ACTRESS
Lupita Nyong'o – 12 Years a Slave
Emma Stone – Birdman
Sally Hawkins – Blue Jasmine
Patricia Arquette – Boyhood
June Squibb – Nebraska

BEST ENSEMBLE CAST
12 Years a Slave
Birdman
Boyhood
The Grand Budapest Hotel
The Imitation Game

BEST ORIGINAL SCEENPLAY
Birdman
Boyhood
Calvary
Her
The Grand Budapest Hotel

BEST ADAPTED SCEENPLAY
12 Years a Slave
Gone Girl
Snowpiercer
The Imitation Game
The Wolf of Wall Street

BEST CINEMATOGRAPHY
Birdman
Gravity
Ida
Nebraska
The Great Beauty

BEST PRODUCTION DESIGN
Gravity
Her
Mr. Turner
The Grand Budapest Hotel
The Imitation Game

BEST EDITING
Birdman
Boyhood
Gravity
The Grand Budapest Hotel
The Wolf of Wall Street

BEST ORIGINAL SCORE
Gravity
Her
Interstellar
The Grand Budapest Hotel
The Imitation Game

BEST VISUAL EFFECTS
Dawn of the Planet of the Apes
Interstellar
Gravity
Guardians of the Galaxy
The Hobbit: The Battle of the Five Armies

mercoledì 21 gennaio 2015

The Imitation Game


“Are you paying attention?  Good.  If you’re not listening carefully, you will miss things.  Important things.  I will not pause, I will not repeat myself, and you will not interrupt me.  You think that because you’re sitting where you are and I am sitting where I am, that you are in control of what is about to happen.  You are mistaken.  I am in control.  Because I know things that you do not know.  What I need from you now is a commitment.  You will listen closely and you will not judge me until I am finished.  If you cannot commit to this, then please leave the room.  But if you choose to stay, remember that you chose to be here.  What happens from this moment forward is not my responsibility.  It’s yours.  Pay attention.”

Osannato da alcuni e bistrattato da altri, il biopic risponde a regole ben precise: per raccontare la vita di una personalità eminente è necessario focalizzare con attenzione il periodo storico in cui questa si è trovata suo malgrado a combattere e respirare, spingere sulle grandi imprese che nel bene e nel male hanno consegnato il suo nome alla clemenza dei posteri e usare bene il tempo a disposizione, non accontentandosi di una mera esposizione degli eventi accaduti ma impegnandosi a ritrovare l'essere umano che la leggenda ha contribuito a nascondere sotto polvere e incensi.

Poter contare su un grande protagonista è importante quanto la storia che ci si appresta a raccontare: senza il carisma di un interprete in grado di specchiarsi nello sguardo e nella sensibilità del suo personaggio, l'operazione conserverebbe il merito di aver dato visibilità a una pagina di storia più o meno conosciuta, ma sprecherebbe l'assai più preziosa opportunità di conoscere da vicino gli uomini e le donne che tanto hanno sofferto e sacrificato perchè potessimo avere un passato e un futuro.

Nel raccontare la storia di Alan Turing, il genio matematico che salvò 14 milioni di persone decifrando il codice Enigma e ricevette come ringraziamento una barbarica condanna per la sua omosessualità, The Imitation Game onora pienamente il genere grazie a un Benedict Cumberbatch in grande spolvero e a un'ossatura costruita su schemi opportunamente rodati, per avvicinarsi il più possibile al pubblico e guidarlo con mano sicura verso un messaggio di maggiore complessità e sottigliezza.

martedì 13 gennaio 2015

The Theory of Everything



"There should be no boundaries to human endeavor. We are all different. However bad life may seem, there is always something you can do, and succeed at. While there’s life, there is hope."

Preso dagli studi di dottorato, circondato dall'affetto degli amici e sul punto di innamorarsi della coetanea Jane Wilde, il ventenne cosmologo Stephen Hawking sfreccia in bicicletta per le strade dell'amata Cambridge con la spensieratezza di chi ha davanti a sé tutto il tempo del mondo: comincia così The Theory of Everything (La Teoria del Tutto) di James Marsh, presentandoci il biglietto da visita di una mente brillante che a differenza di altri illustri colleghi portati sul grande schermo non ha mai guardato alla società con misantropia e smarrimento, reagendo alla scoperta della malattia muscolare degenerativa destinata a distruggere il suo corpo con una battaglia per la libertà che solo la forza di un'anima altrettanto tenace e determinata avrebbe reso possibile.

domenica 4 gennaio 2015

Ricomincio da capo: 15 film per il 2015

Felice 2015 a tutti! Siete ancora frastornati dalle classifiche del 2014? Niente paura, è arrivato il momento di voltare pagina e cominciare a pensare ai film del 2015(Pensate che sia troppo presto? Naaaaa non è mai troppo presto per puntare nuovi papabili capolavori)!
Eccovi dunque una lista di 15 film che dovremmo se tutto va bene vedere nel corso di questa nuova annata e che qui stiamo aspettando con trepidazione:


ps: leggendo il post non troverete né Jurassic World Star Wars The Force Awakens. Perché? Perché non li sto aspettando, simple as that :D ( il trailer del primo l'ho trovato diludentissimo e il secondo, beh, non sono una grandissima e devotissima fan di Star Wars, anche se chiaramente vedrò il film because of reasons)


-The Imitation Game




Perchè mai questo film che già si trovava nella lista dei film più attesi del 2014 è finito anche in quella del 2015? Misteri della fede, o meglio della distribuzione italiana che adora farci soffrire e prolungare l'attesa per i titoli Oscaribili il più possibile.
I motivi che mi spingono ad attendere con ansia compulsiva questo film li avevo già scritti l'anno scorso ma è giusto riprenderli anche qui: la storia dimenticata di un eroe omosessuale distrutto dalla stessa Nazione che aveva salvato, Benedict Cumberbatch protagonista e probabile candidato alla statuetta come migliore attore, uno splendido cast di supporto e le musiche sublimi di Alexandre Desplat. Data di uscita italiana: 1 gennaio.

-The Theory of Everything

























Altro film, altro genio: arriva in ritardo anche la storia vera del fisico Stephen Hawking e della paziente moglie Jane; diretto da James Marsh, The Theory of Everthing ha dalla sua due giovani attoroni come Felicity Jones e Eddie Redmayne e una grande storia da raccontare, ma anche anche un pericoloso rivale nel film tv del 2004 che vedeva proprio Benedict Cumberbatch nel ruolo di Hawking. Riuscirà Eddino a fare meglio di Benedettino? Data di uscita italiana: 15 gennaio.

-Suite Française



Ahimè, non ho ancora avuto l'opportunità di leggere qualcosa di Irène Némirovsky, ma la storia di come il manoscritto incompiuto del suo Suite Francese sia stato ritrovato in una vecchia valigia è straordinaria: il libro segue diverse linee narrative, ma al momento sembra che il film diretto da Saul Dibb (The Duchess) si focalizzerà per lo più sulla storia di Lucille (Michelle Williams), ragazza di campagna in attesa del ritorno del marito, innamoratasi di un soldato tedesco (Matthias Schoenaerts) durante l'occupazione Nazista in Francia: da vedere, in ogni caso. Data di uscita italiana: SCONOSCIUTA.

-In The Heart of The Sea



Dopo aver fatto rombare i motori di Rush e aver trasformato la formula uno in uno sport degno di questo nome anche per i non amatori, Ron Howard si cimenta in una nuova avventura portando sul grande schermo la storia del naufragio della Baleniera Essex, prima fonte di ispirazione per Moby Dick di Herman Melville. Un cast ricchissimo(Chris Hemsworth, Cillian Murphy, Ben Whishaw, Brendan Gleeson) per un'avventura in mare come non se ne vedono da parecchio: IO CI STO. Data di uscita italiana:  19 marzo.

-A Little Chaos



Seconda regia per il caro Alan Rickman dopo L'ospite d'inverno, A Little Chaos vede Kate Winslet protagonista assoluta nei panni di Sabine De Barra, architetto paesaggista in un diciassettesimo secolo dove ben poche opportunità venivano riservate alle donne, coinvolta in intrighi di corte e frequenti contrasti col suo capo architetto(Matthias Schoenaerts). Ce l'avrà fatta il caro Alan a fare un bel film? Riuscirà la Kate a regalarci un personaggio memorabile? Data di uscita italiana: SCONOSCIUTA.

-Far from The Madding Crowd


Pochi scrittori riescono a deprimermi come Thomas Hardy/pochi scrittori riescono a farmi innamorare delle loro opere come Thomas Hardy. Dopo Tess e Jude, aggiungiamo alla lista anche Far From The Madding Crowd, probabilmente il meno negativo della sua apocalittica produzione e qui attesissimo anche per la presenza di Carey Mulligan(c'è anche l'onnipresente Matthias Schoenaerts) e la regia di Thomas Vinterberg (il sospetto). Bring on the nineteenth century British novel, BRING ON. Data di uscita italiana: SCONOSCIUTA.

-Miss Julie



La meravigliosa, splendida, unica, inimitabile, magnifica Jessica Chastain è un'aristocratica impegnata a sedurre il valletto Colin Farrell in Miss Julie, diretto da Liv Ulmann e tratto dalla piece di August Strindberg: prometteva già benissimo, ma l'abito azzurro indossato dalla protagonista mi ha fatta capitolare. Data di uscita italiana: SCONOSCIUTA.

-The Disappearance of Eleanor Rigby: Them



Una coppia innamorata e finita alla deriva, due grandi attori e un esperimento singolare: rispettivamente dedicati al punto di vista di lui e di lei, i due film di The Disappearance of Eleanor Rigby "Him" e "Her" sarebbero dovuti uscire contemporaneamente, ma alla fine un unico cut intitolato semplicemente "Them" è stato ritenuto sufficiente per l'opera di Ned Benson. Data di uscita italiana: SCONOSCIUTA.

-The Hunger Games: The Mockingjay, Part 2


Il capitolo conclusivo di una saga per ragazzi intelligente, moderna e terrorizzante. OVVIAMENTE, CI SAREMO. Data di uscita italiana: 20 novembre.

























Il biopic di Mike Leigh su uno dei miei artisti preferiti è per antonomasia imperdibile e non aggiungerò null'altro sull'argomento. Data di uscita italiana: 20 gennaio.


-Avengers - Age of Ultron


Adesso vi dirò una cosa che non vi piacerà affatto: comincio a essere stanca, per non dire stanchissima, dell'eterna serializzazione dei cinecomic Marvel; voglio dire, questi fanno piani fino al 2019 e io non so nemmeno cosa mangerò domani, chi dà diritto ai suddetti tizi di voler decidere della mia vita fra QUATTRO ANNI. Ad ogni modo, agli Avengers di Joss Whedon voglio comunque tantissimo bene e quindi questo capitolo ultronico ci tocca. Però state mettendo a dura prova la mia tolleranza fumettistica, SAPEVATELO. Data di uscita italiana: 22 aprile.

-Wild

























Da queste parti, il film di viaggio del 2015 diretto da Jean-Marc Vallèe non poteva certo passare inosservato: riuscirà Cheryl a ritrovare sè stessa e a superare i traumi del suo passato? Riuscirà Reese Witherspoon a ritornare ai fasti di un tempo? Attraverso l'America dura e pura, la sfida è rivolta a entrambe. Data di uscita italiana: 5 marzo.

- Suffragette

















Diretto da Sarah Gavron ma soprattutto scritto da quella Abi Morgan che ci ha portato Shame, The Hour e Birdsong, il film si propone di raccontare la storia delle prime suffragette con tocco tutto femminile, complice anche il nutrito cast di prime donne composto da Meryl Streep, Carey Mulligan, Helena Bonham Carter e Anne Marie Duff. Data di uscita italiana: SCONOSCIUTA.


-Testament of Youth


Il centenario dello scoppio della Prima Guerra Mondiale si è concluso ma noi attendiamo ancora l'uscita di questo film, pronto a raccontare la tragedia di una generazione dal punto di vista di una crocerossina e del soldato da lei amato: lei? Alicia Vikander. Lui? JON SNOW. Data di uscita italiana: SCONOSCIUTA.



Un fallimento dopo l'altro, il mio amore per zio Tim si è andato lentamente affievolendo, ma non ho mai perso la speranza che il nostro possa ritrovare la retta via ed essere di nuovo quello di un tempo, a maggior ragione dal momento che la sua storia con Helena Bonham Carter/Johnny Depp è arrivata al capolinea. In Big Eyes ha la fortuna di poter contare su Amy Adams, Christoph Waltz e una storia in grado di prendere vita e respirare senza costruzioni gotiche posticce: che dire, incrociamo le dita. Data di uscita italiana: 1 gennaio.

Film attesi in ordine sparso:

Effie Gray- High-Rise -Crimson Peak - Everest - Frankenstein



And now we can say it...WELCOME 2015!

sabato 3 gennaio 2015

Espanõl Da Zero! In edicola con La Gazzetta dello Sport

Avete già stilato una lista dei buoni propositi per il nuovo Anno? Imparare una nuova lingua potrebbe essere una buona idea: “Espanõl Da Zero!” è la nuova collana in DVD in uscita con La Gazzetta dello Sport, un corso base per imparare lo spagnolo in modo chiaro e divertente.

Il corso consente in poche settimane di imparare lo spagnolo grazie al metodo pensato ad hoc per gli italiani da John Peter Sloan e basato susui “building blocks”.

La prima uscita arriverà il 5 gennaio 2015 al prezzo lancio di 1,99€  e vi darà l'opportunità di partecipare a un concorso che mette in palio un bellissimo soggiorno a Madrid insieme ad un compagno di viaggio d’eccezione: John Peter Sloan in persona. Dopo l’inglese, lo spagnolo è la seconda lingua straniera più utilizzata e più studiata al mondo. 

In ogni uscita troverete un dvd con le lezioni, gli approfondimenti, scenette divertenti e un booklet di 36 pagine con approfondimenti di supporto al dvd ed esercizi. Le uscite saranno venti e avranno cadenza settimanale. 

E allora, Vamos!

mercoledì 31 dicembre 2014

Goodbye 2014! verso la top 10 e oltre

Salve a tutti amici capodannosi! pronti per affrontare il 2015? Come potete ben immaginare è tempo di top ten e quest'anno incredibile ma vero sono riuscita addirittura a mettere insieme una top 25! Ecco quindi a voi i 25 film che hanno segnato il mio 2014:

Ps: in fondo al post troverete anche le serie tv che ho avuto il piacere di seguire e scoprire in questa lunga annata, quelle che avrei voluto vedere e quelle che ho categoricamente evitato. Enjoy! E soprattutto, HAPPY NEW YEAR!

1)Her, Spike Jonze


2)Boyhood, Richard Linklater


3) The Wind Rises, Hayao Miyazaki


4) The Grand Budapest Hotel, Wes Anderson


5) Saving Mr Banks, John Lee Hancock


6)August: Osage County, John Wells


7)Il Giovane Favoloso, Mario Martone


8) Belle, Amma Asante


9) Interstellar, Christopher Nolan


10) Tracks, John Curran


11) Jimmy's Hall, Ken Loach


12) The Lego Movie, Phil Lord and Chris Miller


13) Gone Girl, David Fincher


14) Une Promesse, Patrice Leconte




16) The Boxtrolls, Graham Annable and Anthony Stacchi


17) The Wolf of Wall Street, Martin Scorsese


18) Twelve Years a Slave, Steve McQueen



20) How to Train your Dragon 2, Dean DeBlois


21)Captain America: The Winter Soldier, Anthony and Joe Russo


22) A Most Wanted Man, Anton Corbijn


23) Inside Llewyn Davis, Joel and Ethan Coen


24) Guardians of The Galaxy. James Gunn


25) Only Lovers Left Alive, Jim Jarmusch



Premio "ci ho provato fino all'ultimo a farti rientrare ma non sapevo dove metterti perchè mi sei piaciuto ma non così tanto"





-The Book Thief, Brian Percival
-La Belle e la Bête, Christophe Gans
-Magic in the moonlight, Woody Allen
-Dallas Buyers Club, Jean-Marc Vallée 

Premio "Sarebbe stato in classifica e in posizione altissima se non fosse uscito direttamente in DVD che a momenti dobbiamo pure ringraziarli della carità dimostrataci"

The Invisible Woman, Ralph Fiennes


Premio"Non sono in classifica perchè non li ho visti deal with it":

-Nightcrawler
-Mommy
-American Hustle
-Pride
-Torneranno i prati
-Jersey Boys
-Sils Maria

Premio speciale "Evento non cinematografico dell'anno ma assolutamente pertinente deal with it":

-Martin Freeman. Quello vero! In un teatro vero! In una Londra vera! In un Riccardo III vero!




















And Now, TV SERIES!


Come ogni anno non faremo nessuna classifica sul fronte seriale per mancanza di materia prima (perchè il tempo non è mai sufficiente per recuperare tutto e in ogni caso potendo scegliere preferisco vedere più film, lo sapevate già ma sapevatelo lo stesso); piuttosto, vi dirò in breve che cosa ho visto, che cosa vorrei vedere e che cosa non vedrò a breve per ragioni varie ed eventuali.

Sherlock: HE'S BACK! HE'S BACK! FUCK ALL THE OTHER THINGS HE'S BACK! Un grande ritorno, deciso a giocare con la nuova crescente popolarità della serie esplorando e sperimentando, ma mantenendo sempre e comunque l'immensità delle origini.
Peaky Blinders: il ritorno della famiglia Shelby si celebra in grande stile: sparatorie cazzutissime, interpretazioni maschili e femminili magistrali, TOM HARDY, il sempre verde accento finto Birminghamese.
Downton Abbey: il tempo del lutto è finito e la quinta serie dell'epopea familiare firmata da Julian Fellowes ha guadagnato ancora più smalto e classe. Also, bring on the GOODE.
Game of Thrones: la cosa più bella? Non aver letto una ceppa dei libri e potersi godere lo spettacolo in santa pace. Solo tre parole: TYRION, PETYR, OBERYN.
Black Mirror: uno splendido speciale di Natale in grado di farci sentire una schifezza era quello che ci voleva. Beware of technology, BEWARE OF HUMANITY.
Doctor Who: un nuovo Dottore è sempre un cambiamento epocale, ma Peter Capaldi é magnifico e la sua alchimia con Jenna Coleman PERFETTA. Una splendida ottava stagione, che ha saputo restituire vita ed equilibrio a una serie che negli ultimi tempi aveva un po' iniziato ad adagiarsi sugli allori.
Vikings: RAGNAR'S GOT THE POWER: un altro viaggio nelle suggestive tradizioni del popolo vichingo, visivamente straordinario e scritto dall'ottimo Michael Hirst, oltre che ben recitato da Travis Fimmel e dalla STUPENDA Katheryn Winnick.
Mr Selfridge: I love Shopping, ma quello di Selfridges non ha eguali: una serie che è andata migliorando di stagione in stagione, resa frizzante da script impeccabili e personaggi ben caratterizzati, uniti come in una grande famiglia Downton Abbey style, con menzione d'onore per il carismatico protagonista Jeremy Piven.
The Passing Bells: realizzata in occasione del Centenario dello Scoppio della Prima Guerra Mondiale, questa piccola miniserie si propone di raccontare con semplicità il percorso di Thomas e Michael, il primo Inglese e il Secondo Tedesco, impegnati a combattere da volontari sui diversi fronti della storia; trovare una miniserie capace di farti piangere dal minuto 2 e per ogni singola puntata non è una cosa che capita tutti i giorni.
Manhattan: scienza, etica, famiglia e segreti sono gli ingredienti di questa serie che quasi nessuno di voi ha guardato e che invece avreste dovuto guardare tutti. DROP THE BOMB!
Fargo: fa freddo e nevica parecchio nella serie ispirata all'omonimo film dei fratelli Coen. Personaggi spietati e disgustosi, humour nerissimo, poliziotti di buon cuore pronti a battersi fino alla fine, MARTIN FREEMAN e Billy Bob Thornton al TOP: qui non si amano particolarmente i Coen ma vi assicuro che Fargo funziona e colpisce parecchio, NO MATTER WHAT.
Outlander: Viaggio nel tempo, Scozia, Viaggio nel tempo, SCOZIA: se queste ragioni non dovessero essere sufficienti per recuperare Outlander, aggiungete anche una trattazione niente male di usi e costumi della Scozia del 18° secolo, un cattivo coi controbip e un bel manzo protagonista.
The Musketeers: prendete i personaggi dei romanzi di Dumas, rispettatene la psicologia e le caratteristiche e usatele per raccontare storie del tutto nuove fatte di cappa e spada, vivaci duetti e un cattivo cattivissimo come da tradizione. E allora EN GUARDE!

Devo recuperare assolutamente:
-la seconda serie di The Fall
-la terza serie di Ripper Street
-The Missing
-The Affair
-Halt and Catch Fire

Non recupererò a breve:
-True Detective: sorry, ne avete parlato talmente tanto come del capolavoro ultimo dei nostri tempi che mi è passata del tutto la voglia di vederlo. Un giorno lo vedrò, ma non è questo il giorno.
-The Leftovers: sorry, con le serie ansiogene dallo spunto irrisolvibile/forse si risolverà nel duemilamai/forse il finale sarà una delusione totale ho già dato con Lost. Ma voi divertitevi eh.

That's all folks, HAPPY NEW YEAR!




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

condividi